Categorie
Abitare

Idee per una casa zen che favorisca il benessere

Quanti di noi hanno vite stressanti fatte di sveglia presto, colazione di corsa, tanto tempo nel traffico per arrivare a lavoro, ore in ufficio, spesa, pulizie di casa, incombenze varie e smettiamola qui perché altrimenti ci viene l’ansia? La maggior parte di noi è sottoposta a stress di vario tipo durante la giornata e tornare a casa dovrebbe poter rappresentare un momento di relax e benessere in cui ci si sente accolti e coccolati da un ambiente su misura per noi e per le nostre esigenze. Ma possiamo davvero dire che sia così? La nostra casa rispetta a pieno le nostre necessità e ci rispecchia fino in fondo? È una casa zen?

casa-zen

Per casa zen intendiamo una casa che sia organizzata ed arredata in modo da rispondere a tutte le nostre esigenze e favorire la calma, il relax e la concentrazione, oltre al rispetto dell’ambiente e al risparmio energetico. Una casa che rispetti noi stessi e che migliori la nostra qualità della vita che è già sottoposta a tanti stress fuori dalle mura domestiche. Cosa occorre per farlo?

È bene predisporre innanzitutto una casa che abbia colori caldi e tenui come beige, bianco, verde chiaro, giallo chiaro, arancio ed armonizzati tra loro per favorire il benessere visivo e la tranquillità secondo i principi della cromoterapia. L’arredamento dovrebbe essere essenziale e realizzato da materiali caldi e naturali come il legno in modo principale. Si possono introdurre piante da interni come il bambù, il cardamomo e il bonsai che servono ad ossigenare l’ambiente e dare un’impressione visiva di tranquillità e calma oppure anche agrumi, gardenie e piante aromatiche di vario tipo da mettere in cucina o in terrazzo. È preferibile puntare poi su decorazioni essenziali ed arricchire la casa con candele che donano un’atmosfera rilassata e soffusa.

zen

È importante ricavare all’interno della casa degli spazi, anche minimi, riservati al nostro benessere, alle nostre passioni, a fare quello che amiamo e che ci fa sentire davvero bene: uno spazio per ascoltare musica, leggere in totale relax , dedicarsi ad un hobby particolare che permetta di sfogarsi e sentirsi bene, un angolo rilassante in bagno, una zona da riempire con la nostra collezione del cuore (che sia di conchiglie, soldatini, souvenir dal mondo o tutto quello che vi viene in mente).

Creare ordine fisico negli ambienti, fare spazio, eliminare il superfluo che si accumula inevitabilmente negli anni per favorire l’ordine mentale e la concentrazione che è messa a dura prova dal caos a cui siamo sottoposti quotidianamente fuori casa è un altro aspetto molto importante.

Puntare sulla giusta illuminazione che crei atmosfera in casa, permetta di godere della luce naturale, sia funzionale ma anche rilassante. Quando la sera si rientra stanchissimi da una giornata di traffico e lavoro non si vuole altro che un divano (altro elemento da scegliere con cura) che ci accolga ed un’atmosfera tranquillizzante, giusto? È meglio privilegiare lampade da terra e faretti e comunque creare più punti luce regolabili in intensità.

La vostra casa può già definirsi zen?

🙂

arredamento-orientale

Categorie
Abitare

Come arredare la cameretta di un neonato

L’arrivo di un bambino è un momento emozionante ed importantissimo nella vita di una coppia e porta con sé numerosi cambiamenti oltre che a livello emotivo anche sul piano pratico ed organizzativo. A volte comporta la necessità di cambiare casa e mettersi alla ricerca per trovarne una con una stanza in più da dedicare al nuovo arrivato. Oppure il bisogno in ogni caso di strutturare una camera o uno spazio della casa per accogliere al meglio il bebè e rispondere a tutte le sue esigenze in modo funzionale e comodo oltre che esteticamente piacevole.

cameretta neonato

Come arredare la cameretta di una neonato? Sicurezza, igiene, comodità, funzionalità e – perché no – lato estetico sono le parole chiave che dovrebbero guidarci nelle scelte da compiere. Gli elementi di arredo essenziali da avere sono:

– Una culla che sia leggera e dotata di ruote per essere spostata facilmente da una stanza all’altra all’occorrenza (ma in alternativa si può usare anche il passeggino dotato di apposita base o un riduttore per il lettino). Esistono comunque in commercio culle di tantissimi tipi, con struttura fissa o struttura dondolante.

– Un lettino con sponde che accoglierà il bambino dai 3-4 mesi ai 3 anni e che è sempre bene collocare lontano da finestre e termosifoni, appoggiato ad una parete oppure al centro della stanza.

– Un box per i giochi

– Un fasciatoio possibilmente con cassetti sottostanti per contenere tutto il necessario come pannolini, creme, salviettine e vestitini di ricambio.

– Un armadio abbastanza capiente per contenere altri vestiti, copertine e tutto il resto di cui si ha bisogno.

– Un tappetone morbido dove giocare in tranquillità e sicurezza

Ceste per contenere i giochi senza creare disordine.

Per quanto riguarda il resto è preferibile puntare su colori tenui e luminosi per le pareti (verde, giallo, azzurro) che diano allegria alla stanza ma che non siano troppo forti e realizzati utilizzando vernici ad acqua e non tossiche. Un’illuminazione soft con punti luce collocati in zone strategiche come vicino al lettino o vicino al fasciatoio. Un pavimento in legno come la scelta ideale per sicurezza e praticità così come la presenza di arredi in materiali non tossici e facilmente lavabili.

Dopo aver deciso gli elementi fondamentali e strutturato la stanza in modo funzionale si può pensare allo stile che più ci piacerebbe darle: dal classico bianco, al legno, al country, allo shabby chic e così via sempre nel rispetto della sicurezza e della adeguatezza dei materiali utilizzati.

Decorazioni alle pareti con stencil ed adesivi sono poi un’idea creativa e di effetto per accogliere al meglio il nuovo arrivo.

Categorie
Abitare

Come arredare l’ingresso di casa

Viviamo, purtroppo, in case sempre più piccole nelle quali spesso si entra direttamente nel salotto che è anche zona cucina e a volte anche camera da letto.

Tutto un unico ambiente, spesso open space, nel quale concentriamo la maggior parte delle attività casalinghe. Se però si ha la fortuna di avere una casa più grande dotata di ingresso bisogna valorizzarlo e sfruttarlo al massimo come parte integrante ed importante della nostra abitazione. Del resto è il biglietto da visita, il primo approccio che noi e chi viene a trovarci ha sulla casa che abbiamo cercato a lungo ed arredato con tanta cura ed attenzione.

01corridoio

Spesso però non ci si pensa e viene erroneamente trascurato. Ma come fare ad arredare al meglio l’ingresso tirandone fuori tutte le potenzialità? Serve qualche idea?

L’ingresso deve prima di tutto rispettare lo stile che abbiamo scelto per la nostra casa (classico, chic, country, moderno, etnico e chi più ne ha più ne metta) ed essere accogliente, funzionale ed ordinato. Se abbiamo uno spazio ampio e separato dal resto della casa si possono osare colori vivaci e divertenti per dare un tocco di originalità e personalità all’ambiente mentre se disponiamo di uno spazio angusto e piccolo è meglio puntare su colori tenui e toni neutri (bianco e grigio prima di tutti). Molto importante è anche l’illuminazione: si deve dare l’impressione di entrare in un ambiente accogliente, caldo e luminoso che dia subito un’idea positiva della nostra casa.

01-ingresso

Quali sono gli elementi di arredo indispensabili per predisporre al meglio un ingresso, dargli personalità ma renderlo allo stesso tempo utile e sfruttabile?

Ovviamente tutto dipende dallo spazio a disposizione (che di solito non è poi molto) e dalle nostre necessità ma quello che potrebbe servire è:

– Una panca per sedersi o per appoggiare borse e buste della spesa quando si entra a casa
– Un appendiabiti per noi per gli ospiti
– Un piccolo armadio o un mobiletto dove riporre sciarpa, guanti, cappello e qualche oggetto utile come uno svuota tasche che contenga tutto
– Un portaombrelli
– Una scarpiera, che può essere semplice o di design, aperta oppure chiusa
– Una sedia o poltroncina colorata che dia personalità all’ambiente
– Un tappeto colorato o dai toni neutri
– Dei quadri o delle fotografie
– Uno specchio (elementi classico di arredo per l’ingresso) per dare subito un’idea di maggiore spazio: se rettangolare va appoggiato a terra – mentre se lo scegliamo quadrato è meglio appenderlo alla parete
– Una lampada a sospensione, dei faretti o una piantana da terra

Manca altro? E voi avete deciso come arredare il vostro ingresso?

Categorie
Abitare

Lo specchio che arreda

A volte basta davvero poco per cambiare aspetto ad una stanza o per dare nuova freschezza ed ampiezza a tutta la casa. Non ci credete? Beh non avete mai testato il potere di qualche cuscino nuovo, qualche tenda colorata, nuovi quadri alle pareti o qualche specchio posizionato nel posto giusto! Oltre all’evidente funzione pratica nel riflettere la nostra immagine (alzi la mano chi non si guarda ad ogni specchio che trova per casa per controllare di “stare bene”) gli specchi consentono di allargare lo spazio, cambiare la prospettiva di un ambiente, dare personalità e decorare. Non male eh.

specchio

Esistono specchi di tante forme e dimensioni diverse: grandi, piccoli, con o senza cornice, quadrati, rettangolari, tondi, ovali ed ultimamente ad esempio sono molto di moda gli specchi di dimensioni irregolari o con cornici riccamente decorate e colorate. In ogni caso però devono essere armonizzati all’ambiente nel quale vogliamo collocarli per non creare stonature, evitare errori ed ottenere effettivamente più spazio e più luce nella nostra casa.

Lo specchio va collocato nel posto giusto ed è spesso risolutivo nel caso di ambienti stretti, poco profondi e poco luminosi. Occorre però un po’ di attenzione nel collocarlo nel poco giusto. Volete qualche suggerimento?

– Se abbiamo uno specchio quadrato ad esempio è consigliabile appenderlo alla parete mentre nel caso di un grande specchio rettangolare è preferibile appoggiarlo a terra.

– Se si ha una parete di fronte all’entrata di casa collocarvi uno specchio consente di ampliare la percezione dello spazio fin dall’ingresso ottenendo un bellissimo effetto.

– Ottimo anche mettere uno specchio (o più specchi) sulla parete di un corridoio lungo e stretto (in modo che riflettano la parete opposta) ma mai invece alla fine del corridoio.

– Perfetto è anche mettere uno specchio sul muro di fronte ad una scala così da ampliare l’effetto grandezza.

– È bene evitare di mettere uno specchio di fronte a pareti vuote: il bello infatti sta in ciò che lo specchio riflette. In camera da letto è sconsigliato mettere lo specchio di fronte al letto mentre è preferibile uno specchio sopra al comò oppure uno specchio rettangolare dove potersi riflettere a figura intera.

– Collocare uno specchio vicino ad una lampada ne amplifica la luminosità ed uno specchio di fronte ad una finestra o ad un balcone riflette il panorama esterno facendo così apparire la stanza più grande.

specchi

Puntando sullo specchio come elemento decorativo un’idea di arredo ad effetto potrebbe essere quella di comporre un mosaico con specchi piccoli di diverse dimensioni così da creare diverse superfici riflettenti e giochi di luce e prospettiva in modo molto elegante.

Che ne dite? Siete pronti ad arredare con gli specchi?

Categorie
Abitare

Le app che ci aiutano ad arredare casa

Chi di noi ormai non vive con lo smartphone o il tablet sempre a portata di mano? Gli immuni sono diventati sempre meno ma la tecnologia oltre che una dipendenza può essere un gran vantaggio ed aiutarci anche nella difficile missione di arredare casa. Dove collocare quel mobile in modo che non risulti troppo ingombrante ma si veda? Di che colore dipingere le pareti della camera da letto o quelle del salotto? Posso ampliare la cucina e farne un open space con la camera da pranzo? A queste e tante altre complicate domande possono aiutarci a rispondere una serie di app disponibili per Ios e per Android per far contenti tutti ed aiutarci a mettere ordine nel mare di idee con poca fatica.

app immobiliari

Partiamo con l’app di Ikea, luogo ultra-famoso che praticamente tutti abbiamo frequentato per scegliere i mobili di casa almeno una volta nella vita. L’app del colosso svedese consente di scegliere in modo interattivo l’arredo di casa attraverso il concetto della realtà aumentata che permette di aggiungere oggetti virtuali nel mondo reale. Come funziona? Basta scansionare con uno smartphone o un tablet la pagina del catalogo cartaceo in cui è presente il mobile di nostro interesse e l’oggetto scelto apparirà virtualmente proiettato tra le mura domestiche potendone così provare la posizione.

Homestyler è un’app con funzioni simili a quella di Ikea ma più avanzata ed è probabilmente una delle migliori disponibili in fatto di arredamento (gratis per Ios e Android). Permette di scattare fotografie delle stanze della casa, realizzare un rendering in 3d utilizzando le varie misure e inserire gli oggetti di arredamento presenti nel database facendo varie prove fino a trovare la soluzione che ci soddisfa maggiormente.

Un’app interessante e di facile utilizzo è Home design 3d che permette di disegnare la planimetria della propria casa, arredarla in tutti i suoi elementi, dipingerne le pareti, il pavimento e il soffitto e successivamente ottenerne una versione 3d all’interno della quale navigare in un tour virtuale. C’è poi Photo measures che permette di scattare foto degli ambienti di casa e scriverci sopra le misure (disponibile sia in versione a pagamento che gratuita).

Per quanto riguarda i colori, altro elemento molto importante nell’arredo della casa oltre ai mobili, c’è Color Shemer (solo per Ios) che permette di scegliere i colori giusti e i giusti accostamenti, My Pantone che attinge ad un vastissimo archivio di tonalità da utilizzare e Itrend che consente di scattare foto delle stanze e provare ad applicare il colore che vorremmo utilizzare in realtà.

Siete pronti a farvi dare una mano dalle app ad arredare casa?

Categorie
Abitare

Idee economiche per rinnovare casa in vista dell’estate

Ormai la stagione sta cambiando e porta con sé voglia di rinnovamento su tanti fronti, magari anche nella nostra casa alla quale vogliamo dare un aspetto più fresco, colorato e solare adatto alla nuova stagione. È venuta voglia anche a voi di fare cambiamenti casalinghi? Probabilmente si, ma non sapete ancora da dove cominciare per rendere un po’ diversa e vivace la vostra casa senza spendere un patrimonio? Non servono tanti soldi ma un po’ di fantasia, inventiva e creatività. Volete qualche idea?

Innanzitutto bisogna partire da un po’ di sano decluttering, ovvero dal fare le più classiche pulizie di primavera liberandosi di tutto quello che è superfluo e non ci serve più perché ormai vecchio ed inutilizzato: all’inizio non è semplice perché tutto ci sembra utile e ci ripetiamo la solita frase “può sempre servire” ma tanto non serve mai (diciamoci la verità) ed è quindi molto meglio scegliere cosa buttare, cosa poter vendere oppure cosa riutilizzare in modo creativo o scambiandolo in appositi mercatini. Tutto ciò servirà a fare spazio al nuovo.

Per dare un nuovo aspetto alla casa si può partire dal cambiare colore alle pareti di una o più stanze tinteggiando i muri di una nuova tonalità vivace e luminosa oppure applicando degli stencil o delle decorazioni che donano comunque un tono diverso alla casa.

casa-monte-porzio-catone (9)

Un’altra idea vincente potrebbe essere quella di cambiare le tende ed in generale i complementi di arredo come cuscini e fodere di divani e poltrone scegliendoli di tonalità allegre e primaverili (vanno benissimo giallo, arancio, verde, viola, azzurro o anche fantasie a fiori, righe o pois) da abbinare ovviamente al resto dei colori della casa. Rifoderare il divano basterà a dare un nuovo aspetto al salotto, provare per credere! Si possono anche appendere nuovi quadri alle pareti oppure creare composizioni di fotografie di varie dimensioni e colori da appendere al muro.

Realizzare composizioni di fiori freschi da collocare in varie stanze della casa e creare candele profumate personalizzate e colorate (oppure comprarle se non siete amanti del fai da te) per donare atmosfera all’ambiente è un altro buon suggerimento. Qui ampio spazio va dato alla vostra creatività e fantasia.

casa-monte-porzio-catone (3)

Possiamo poi mettere nuove piante in salotto collocandole in vasi di plastica colorati oppure creando composizioni di piccole piantine grasse (bonsai o altro) da appendere alla parete. L’effetto novità è assicurato e così anche la freschezza primaverile.

Perché poi non rinnovare anche la tavola? Si possono scegliere nuove tovaglie, piatti e bicchieri colorati per sentirsi subito in vacanza ed essere più allegri al momento dei pasti (almeno un pochino!). A volte basta davvero poco per cambiare umore.

E voi? Siete pronti a rinnovare la vostra casa per la bella stagione?

Categorie
Abitare

Il vantaggio di affidarsi ad una ditta di traslochi

Cambiare casa è sempre emozionante ma, diciamoci la verità, il trasloco non è una passeggiata e solitamente è fonte di preoccupazione e stress.
Per affrontare al meglio questo evento e non viverlo come una tortura, invece che come una piacevole esperienza, esiste la possibilità di affidarsi ad una ditta di traslochi che offra il servizio “all inclusive”.
Il personale specializzato verrà a casa vostra per fare un sopralluogo preliminare, quindi si presenterà il giorno del trasloco con tutto il materiale necessario per imballare i vostri mobili, gli oggetti, i vestiti e tutto quello che dovrete trasportare nella nuova abitazione.

Si occuperanno del trasporto e quindi, nella vostra nuova casa, ridisporranno tutto secondo le vostre disposizioni.

Nel frattempo possono offrire anche servizi diversi, come pulire e tinteggiare la vostra vecchia casa, pulire e tinteggiare la vostra nuova casa, svuotare la cantina o la soffitta, vendere al mercatino dell’usato ciò che non vi serve più ma è ancora in buono stato, portare in discarica ciò che è diventato inservibile.
Una ditta di traslochi che offra il servizio “all inclusive” vi può anche montare mobili nuovi, riadattare quelli vecchi ai nuovi locali attraverso lavori di falegnameria, montare nuovi elettrodomestici e non ultimo tenere in deposito i mobili se per qualche motivo dovete lasciare la vostra casa ma la nuova non è ancora pronta.

scatole-trasloco

Una buona ditta di traslochi dovrebbe offrire una vasta gamma di servizi e avere come peculiarità una particolare predisposizione all’ascolto del cliente, unendo a questa l’affidabilità di un team specializzato e guidato direttamente dal titolare, che dovrebbe supervisionare i lavori di persona e dimostrare uno spiccato senso della riservatezza.

Nel caso in cui abbiate l’esigenza di effettuare un trasporto a causa di un cambiamento di abitazione o per motivi aziendali, con lo spostamento di mobili e altri oggetti personali, non esitate a contattare una ditta specializzata. Consulenti esperti e qualificati, con numerosi anni di esperienza, saranno a vostra disposizione per rispondere a ogni vostro dubbio e richiesta di informazione. Sia che dobbiate effettuare un trasloco impegnativo, oppure solo di pochi oggetti, le agenzie offriranno diverse soluzioni adeguate per venire incontro a ogni vostra esigenza.

Categorie
Abitare

Scegliere una ditta di traslochi per uno studio privato

Traslocare mobili ed oggetti del proprio appartamento può essere faticoso e stressante. Ciononostante molti affrontano comunque il trasloco di un appartamento privato senza fare ricorso ad una ditta professionale, anche per provare a risparmiare qualche soldo.

Se state cambiando casa probabilmente avrete sostenuto un certo numero di spese in un breve lasso di tempo, quindi la vostra tentazione di risparmiare sul trasloco è del tutto comprensibile.

Ve ne pentirete, in ogni caso; perché non si tratta quasi mai di un’operazione di poco conto, quindi il supporto di un professionista sarebbe da privilegiare in ogni caso.

scatole-trasloco

Ma se stiamo parlando del trasloco del vostro studio professionale privato, e non della vostra abitazione di residenza, questo ragionamento non è assolutamente applicabile: in questo caso rinunciare al servizio di una ditta di traslochi è del tutto privo di senso, e la vostra ricetta anti-crisi rischia facilmente di divenire anti-economica nel vero senso del termine. Altro che risparmiare due soldi.

Vi propongo alcune semplici ma solide motivazione che possano giustificare questo mio punto di vista.

1 – I tempi. Se dovete traslocare il vostro ufficio dovrete certamente coordinare al massimo l’operazione, con l’evidente intento di ripristinare l’operatività nei tempi più brevi possibili. Non potete certamente permettervi un periodo di chiusura al pubblico troppo prolungato. Se voi sarete impegnati ad allacciare le utenze e ad avvertire clienti e fornitori, lasciare che sia un professionista a spostare fisicamente i vostri oggetti per la città potrà fare la differenza, per voi e per il vostro lavoro.

2 – L’esperienza. Qualsiasi studio privato ha un archivio di documenti da traslocare. Contabilità, elenco clienti, corrispondenza; e poi un mare di fatture e ricevute, progetti in corso e progetti archiviati, brochure, presentazioni, attestati. Insomma, non potete certamente pensare di inscatolare un materiale tanto prezioso quanto caotico senza preoccuparvi della vostra effettiva capacità di ripristinare l’archivio generale dei documenti, una volta raggiunta la nuova sede aziendale. L’esperienza di una ditta di traslochi risolve facilmente questa mansione offrendovi una scrupolosa cura al momento dell’esecuzione del servizio, corroborata da scatole di cartone e materiale per imballaggio professionale, che semplificheranno il ripristino successivo.

3 – Le attrezzature. Traslocare qualche faldone e un paio di scrivanie con un furgone è alla portata di molti. Ma non è lo stesso se nel vostro ufficio avete casseforti o armadi blindati, che saranno intrasportabili senza la consulenza di una ditta professionale, che evidentemente ha le attrezzature adatte per questo genere di trasporti. Gru, piattaforme aeree, automezzi in grado di sopportare carichi straordinari. E l’attrezzatura impossibile da sostituire: le spalle forti ed esperte di traslocatori professionisti, che sapranno prevenire ogni genere di problema connesso ad un qualsiasi tipo di trasloco, ordinario e straordinario.

Categorie
Abitare

Scegliere le piastrelle per il bagno

Ricordiamoci sempre che le piastrelle per il bagno oltre ad avere una grande importanza a livello estetico, sono esposte all’umidità e possono andare in contatto con prodotti e con detergenti spesso aggressivi. Quindi, detto questo capirete che devono essere belle, vi devono piacere ma è indispensabile che siano fatte con materiali impermeabili e resistenti alle sostanze chimiche. E’ inoltre preferibile che siano messe al muro accostate e quindi senza fuga per evitare infiltrazioni.

I rivestimenti e le piastrelle per il bagno disponibili sul mercato offrono tantissime scelte di colori, diversi formati, svariate misure e molte decorazioni, più o meno semplici, per dare al tuo bagno quel tocco in più rispetto agli altri. Se non sei un tipo da ceramica potrai scegliere come alternativa anche dei bellissimi mosaici di vetro o dei rivestimenti in pietra vera oppure finta.

primo-piano-(13)

Potrete inoltre decidere di comprare uno specchio da incorporare alle piastrelle invece di mettere il classico specchio che hanno tutti i bagni.

Anche nel caso delle pareti si può scegliere quindi se seguire linee minimali oppure dare vita ai vostri muri con colori audaci o di segni particolari come “vuole” l’arredamento contemporaneo che abbraccia originalità e raffinatezza, senza mai cadere nell’esagerazione e nel pacchiano.

Se è vero che a volte la bellezza è “data dall’imperfezione” potrete cercare delle piastrelle artigianali che mostrano delle affascinanti e volute irregolarità apportate durante la lavorazione a mano. Queste caratteristiche daranno un tocco unico e prezioso al vostro bagno avendo anche un importante valore artistico. Senza rinunciare al vostro gusto minimale, potrete dare quindi solo dei particolari alle vostre pareti che potranno rendere il tuo bagno semplicemente il miglior posto dove cominciare la giornata con un buon umore.

Fatevi un giro in rete per farvi un idea sul da farsi, visitate siti che si occupano esclusivamente di questi lavori e vedrete che il web è pieno di suggerimenti e possibilità, per tutti i gusti, dal classico all’originale.

Categorie
Abitare

Un indispensabile complemento d’arredo: il tappeto

Spesso dopo avere arredato un locale si sente che manca ancora qualcosa. Ecco allora la necessità di valorizzare l’arredamento con dei tappeti.
Il tappeto è un complemento decorativo dal costo importante, ma sono molte le funzioni che vengono soddisfatte con questo acquisto.

Ovviamente il primo effetto è decorativo e di immagine, ma considerate anche funzioni pratiche come insonorizzare la stanza, dare calore simbolico e pratico, proteggere un pavimento nuovo o mascherare qualche difetto. Tutto l’arredamento si arricchisce con la scelta del tappeto giusto e talvolta passa in secondo piano la necessità di sostituire un divano o la tinta del locale.

Se non lo avete già notato, i tappeti di design contemporaneo sono un elemento in espansione in molte case di oggi. La clientela ha l’obiettivo di rendere la propria casa bella e confortevole con un bel tappeto. Tappeti moderni sono una grande aggiunta decorativa a casa o in ufficio. Servono a molti scopi, ma soprattutto danno un tocco di colore e proteggono i pavimenti . Le persone sono liete di vedere che le aree arricchite con questo complemento vengono valorizzate e rinnovate.

Se state cercando di acquistare tappeti di design contemporaneo, avete molte opzioni disponibili. Avrete anche una grande varietà di tappeti in diverse forme, dimensioni e disegni..

Tappeti gabbeh, yamta, kuhì sono molto eleganti e rendono una stanza accogliente e confortevole. Essi sono morbidi, ma durevoli e il tempo ne darà la conferma.

Questi tappeti sono garantiti nella qualità della manifattura e delle lane , facili da pulire e di grande effetto. Sempre accompagnati da un certificato che ne attesta la qualità e la provenienza.

L’obiettivo principale nella scelta di un tappeto di design è quello di dare alla stanza una certa atmosfera. Per esempio, ci sono tappeti dai colori freddi, morbidi e rilassanti mentre altri hanno colori caldi e vivaci. Prendetevi il tempo necessario per fare la scelta perfetta perché ci sono molti tappeti disponibili sul mercato oggi.
Se avete dei bambini, potrete scegliere dei tappeti più adatti per loro: i gabbeh con disegni animali daranno un tocco di allegria alla loro stanza. I colori accesi, il vello alto e morbido, faranno innamorare i vostri bambini del tappeto che hanno scelto col vostro consiglio.

tappeto

Il nodo
I tappeti più raffinati sono di solito annodati col nodo Senneh. Tanto più il nodo è sottile e compatto, più pregiato è il tappeto. Per ottenere gli effetti migliori si usano filati di lana molto sottili o addirittura la seta,raggiungendo il milione di nodi per metro quadrato.
Tra gli esemplari più fini troviamo pertanto i Kum totalmente in seta, gli Isfehan con ordito in seta e vello in lana per arrivare agli Hereke con fili d’argento e oro.

Il Vello
Un vello nitido e morbido è il risultato di una selezione di materiali preziosi, seta e lana di qualità.
Nei tappeti di recente produzione il vello deve risultare perfetto, rasato in maniera omogenea, mentre negli esemplari di vecchia manifattura può presentare delle irregolarità o parti consumate.

I colori
Devono essere nitidi e armonici negli accostamenti. Un lavaggio venuto male può influire sul valore del tappeto. E’ sempre consigliabile rivolgersi ad una ditta specializzata nella pulizia e nel lavaggio del tappeto.

Il Prezzo
Tutti i tappeti hanno una quotazione media di mercato. Più facile da individuare per i tappeti moderni, meno immediata per i tappeti antichi dove ogni pezzo è unico e non sempre identificabile.

Rarità
Se è vero che fino a poco tempo fa il mercato offriva una vasta gamma di tappeti sia nuovi che vecchi di tutte le qualità e varietà, oggi trovare un tappeto antico di buona qualità in buone condizioni diventa sempre meno facile. Lo stesso problema si sta estendendo anche alle manifatture contemporanee, molti tappeti non sono più realizzati per mancanza di mano d’opera.

Categorie
Abitare

Lo stile classico per il soggiorno

Uno degli ambienti tra i più importanti e in vista, all’interno di un’abitazione, è certamente il soggiorno, la cosiddetta zona giorno, all’interno della quale si è soliti trascorrere il proprio tempo libero, con i propri familiari, o in piacevole compagnia di amici e conoscenti.

Il soggiorno, del resto, è proprio lo spazio della casa in cui si condivide il proprio tempo con persone che vivono abitualmente la casa e, invece, altre che la frequentano, più o meno regolarmente: a tale proposito, per metter a proprio agio i propri ospiti, accoglierli in un ambiente caldo e senza tempo, la miglior soluzione è optare per un soggiorno classico.

Certo, per questo tipo di arredamento occorre avere una passione di base tesa, oltretutto, a scegliere i colori e i tessuti più adatti per i vari abbinamenti; ma se non ne sapete nulla in merito, ma avete sempre desiderato cimentarvi in soluzioni di arredamento classico, beh alcune basi “di rigore” occorre seguirle.

divano chesterfield

La vostra personalità si deve vedere, sempre.

L’arredamento e in genere la cura dei dettagli degl’interni di una casa ben rispecchiano la personalità del padrone dell’abitazione, evidenziando agli estranei ciò che quest’ultimo ritiene desiderabile per sé stesso e per i suoi ospiti.

Un soggiorno classico, ad esempio, è certamente una buona soluzione per offrire sempre un valido compromesso tra la necessità di mantenere un ambiente sempre di moda, grazie all’immortalità di certe scelte che hanno fatto la storia dell’arredamento. Ecco perché un soggiorno classico, ad esempio, è quello che presenta dei mobili in legno le cui tonalità scure possono richiamare uno spirito antico e nobile, soprattutto quando il legno massello presenta una lavorazione al tornio o degl’intarsi più o meno elaborati.

Altro elemento che caratterizza bene un soggiorno classico, senz’ombra di dubbio, è un divano che sia di forme arrotondate, ben bombate, che richiami in questo modo l’eleganza dei canapè, magari con dei rivestimenti di tinte neutre, da coordinare con il tendaggio. Un soggiorno classico, del resto, deve offrire un ambiente avvolgente con i muri in tinta calda, capace di offrire una piacevole sensazione di familiarità; al centro della stanza, inoltre, non può mancare un tappeto coordinato con divano e tende. Un tappeto che non sia mai banale, ricco, caldo ma mai “pacchiano”.

L’illuminazione è un nodo particolarmente delicato, qui fatevi aiutare da un architetto. I punti luce sono fondamentali per dare calore, profondità e l’atmosfera tanto desiderata all’ambiente. Di soluzioni sul mercato ce ne sono eccome, di ogni tipo, costose è vero, ma anche tante contraddistinte da un interessantissimo rapporto qualità prezzo, ma il consiglio rimane: quì l’esperto è d’obbligo.

Categorie
Abitare

La vasca idromassaggio in bagno

Ogni zona della nostra casa ha uno scopo e a ciascuna di esse viene dedicato uno spazio e un preciso valore. Non esiste una zona più importante rispetto alle altre, poiché tutte insieme contribuiscono a dare a un posto qualunque, il nome di “casa mia”.

Tuttavia, nessuno può negare che la zona bagno occupa un posto speciale nel nostro immaginario: questa è la stanza dell’intimità, del benessere e della rigenerazione del corpo. Sempre più persone dedicano a questo spazio una maggiore attenzione, perché il bagno non sia più solo water, lavabo e doccia, bensì un ambiente in grado di portare valore aggiunto alla nostra casa.

Una “suite da bagno” è oggi molto più rispetto ai banali, pratici design del passato.

jacuzzi

Ciò che prima era una sciatta selezione tra finiture di lusso e rubinetterie pregiate, oggi è diventato una scelta pressoché infinita tra modelli, colori, materiali, accessori, funzionalità e quanto altro le moderne tecnologie possono proporre.

Con la possibilità di avvicinare il più possibile la stanza da bagno ai propri gusti e stili di vita, ma di trasformarla soprattutto in un paradiso di benessere e relax.

Jacuzzi si è affacciata prepotentemente sul mercato di settore, tanto da diventare “marchionimo” del suo prodotto principale, ossia la vasca idromassaggio.

Tuttavia, negli anni 60, il distinto Mr. Roy Jacuzzi, ha sì inventato le vasche idromassaggio, ma da allora la sua azienda si è evoluta a ritmi impressionanti e oggi, oltre a contare milioni di clienti in tutto il mondo, offre ai propri consumatori una vasta gamma di prodotti – certamente vasche e box idromassaggio, ma anche rubinetterie e sanitari – un attento servizio di assistenza e, cosa più importante, si propone come promotrice di un vero e proprio stile di vita orientato al benessere, puntando all’eccellenza.

La Jacuzzi è leader globale nel settore dei prodotti di lusso, ma sono in molti a offrire egregie soluzioni a prezzi accessibili anche ai comuni mortali! Solo per citarne alcuni: Novellini, Albatros, Teuco, tutte aziende comunque rispettabili e garanzia di qualità. Il nostro bagno ci regala momenti di pace e benessere: merita assolutamente qualche piccolo sforzo da parte nostra per renderlo un ambiente più piacevole, magari una vera e propria suite da bagno!