Contatto Rapido
Agenzia Immobiliare di Roma

Consulenza tecnica

Servizi di consulenza immobiliare

Consulting tecnico per agenzie immobiliari e proprietari privati, assistenza tecnico-legale e facilities per pratiche burocratiche e catastali.

La nuda proprietà e l’usufrutto

Il codice civile permette di “dividere” la proprietà in usufrutto e nuda proprietà. Poichè l’usufrutto è un diritto che consiste nel godere di un bene di proprietà altrui, la nuda proprietà risulta spogliata del potere di trarre utilità dalla cosa. I motivi che spingono a vendere la proprietà dell’immobile sono molteplici. Oltre che per ragioni fiscali o ereditarie, nella maggior parte dei casi sono le persone anziane che in assenza di eredi vendono la nuda proprietà, per assicurarsi una discreta somma di denaro mantenendo il possesso dell’immobile vita natural durante. Nel caso in cui l’usufruttuario […]

leggi tutto >>

 

Il diritto alle antenne di ricezione

Un Regio Decreto del 1928 si pose per primo il problema del diritto di ogni cittadino al miglior posizionamento delle antenne per la ricezione dei segnali via etere e quant’altro definito genericamente come “aereo esterno” dal legislatore. Oggi, con l’evolversi delle tecnologie (e il complicarsi dei rapporti interpersonali all’interno dei condomìni), nuove Leggi e molte sentenze di Cassazione sono intervenute nel tentativo di meglio regolamentare la materia. GLI “AEREI ESTERNI” L’art. 1 della legge n. 554/40 stabilisce che il proprietario di uno stabile o di un appartamento non possono opporsi all’installazione nella loro proprietà di […]

leggi tutto >>

 

Distanze fabbricatili

L’articolo 873 c.c. dispone che tra le costruzioni su fondi finitimi, se non unite o aderenti, devono essere tenute a distanza non minore di tre metri. Nei regolamenti locali può essere stabilita una distanza maggiore ma non meno di tre metri. Tali norme codicistiche sulle distanze riguardano i rapporti tra privati e non si applicano alle costruzioni che confinano con le piazze e le vie pubbliche alle quali invece, si devono osservare le leggi e i regolamenti che le riguardano. Infatti, l’art. 871 c.c. dispone che nelle costruzioni le regole da osservarsi sono stabilite dai […]

leggi tutto >>

 

Diritto di panorama

Costruzioni, piantagioni e alberi molto spesso impediscono o menomano la visuale del fondo del vicino. L’inesistenza di un diritto generalizzato di panorama porta a rimettere la sua tutela alla trattativa privata con la costituzione di una servitù di panorama o “altius non tollendi”. CONCETTO DI “DIRITTO DI PANORAMA” Non esiste nel nostro ordinamento un diritto generalizzato di panorama nonostante che la eliminazione o la turbativa del panorama da un terrazzo incide negativamente anche sul valore commerciale di un immobile. Normalmente tale diritto lo si fa rientrare nella “servitù di panorama” o meglio nella servitù altius […]

leggi tutto >>

 

Le distanze condominiali

DISTANZE LEGALI E CONDOMINIO Fa parte ormai di un orientamento consolidato della giurisprudenza che le norme codicistiche sulle distanze legali si applicano anche agli edifici condominiali se non altro al fine di evitare che si producano, nei rapporti di vicinato, situazioni dannose o pericolose o antigieniche che pur essendo destinate a regolare la proprietà orizzontale, trovano applicazione anche negli edifici a piani sovrapposti dove si ritrovano analoghe esigenze di tutela e dove, tuttavia, sussiste il limite della stretta interdipendenza funzionale e strutturale tra le proprietà individuali tra queste e le parti comuni. A conferma di […]

leggi tutto >>

 

Ripartizione delle spese per illuminazione e pulizia delle scale

La deroga ai criteri di riparto stabiliti dalla legge è possibile soltanto se introdotta in un regolamento di condominio di natura contrattuale o se deliberata dall’assemblea dei condomini all’unanimità dei partecipanti al condominio: in assenza di tali deroghe, i giudici dovrebbero ( e in questo caso il condizionale è d’obbligo), in sede di decisione di controversia, applicare i criteri legali. Sostiene la Corte che per la ripartizione delle spese per la pulizia e la illuminazione delle scale di un edificio in condominio deve trovare applicazione la regola posta dall’articolo 1123, 2° co. c,c, secondo cui […]

leggi tutto >>

 

Decreto ingiuntivo e giudizio di opposizione

Se pure la prassi giudiziaria consolidata consente all’amministratore di condominio di recuperare i crediti derivanti da delibere assembleari con relativa facilità, potendo ottenere dal Giudice competente un decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo, è altrettanto vero che questo può essere impugnato e sospeso o addirittura anticipato, qualora la delibera non sia efficace. La Corte di Cassazione con sentenza n. 27292 del 9.12.05, ha stabilito: da un lato che la delibera assembleare con la quale si approva una determinata spesa, e al contempo ripartisce la stessa tra i partecipanti al condominio, costituisce titolo di credito per il condominio […]

leggi tutto >>

 

Il costo della manodopera da evidenziare in fattura

Ulteriori incombenze e nuovi adempimenti si sono abbattuti sugli amministratori di condominio. Non c’è dubbio che tale attività professionale, già di per sé attratta nella sfera di una gestione altamente complessa, senza alcuna tutela di un albo professionale e per molti aspetti non gratificata dall’utenza servita, sta attraversando una fase di grande impegno amministrativo-contabile. Con lo scopo di contrastare il lavoro irregolare nel settore dell’edilizia, il Legislatore prima con il D.L. 223/06 art.35, comma 19 e poi con l’art. 1, commi 387 e 388 della Legge 296/06 (Finanziaria 2007) è intervenuto sul tema dell’Iva agevolata […]

leggi tutto >>

 

I crediti condominiali e il decreto ingiuntivo

Se è vero che per ottenere il rapido pagamento delle quote condominiali l’amministratore si deve affidare ad un avvocato per ottenere il decreto ingiuntivo, è pur vero che è opportuno che questo conosca correttamente la procedura e la disciplina che si applica ad esso. IL PROCEDIMENTO DI INGIUNZIONE: CARATTERI GENERALI In generale il decreto ingiuntivo è uno strumento che il creditore può utilizzare per ottenere con maggior rapidità dal giudice l’ordine di pagare nei confronti del debitore. Per ottenere il decreto ingiuntivo devono sussistere alcune condizioni di ammissibilità che sono indicate dall’art.633 cpc, nel quale […]

leggi tutto >>

 

Le attribuzione dell’amministratore di condominio

Gli articoli 1130 e 1131 del Codice Civile L’art.1130 del c.c. stabilisce le attribuzioni dell’amministratore e precisamente: a) deve eseguire le deliberazioni dell’assemblea dei condomini e curare l’osservanza del regolamento di condominio; b) disciplinare l’uso delle cose comuni e la prestazione dei servizi nell’interesse comune, in modo che sia assicurato il miglior godimento a tutti i condomini; c) riscuotere i contributi ed erogare le spese occorrenti per la manutenzione ordinaria delle parti comuni dell’edificio e per l’esercizio dei servizi comuni; d) compiere atti conservativi dei diritti inerenti le parti comuni. Ad esso è collegato l’art.1131c.c […]

leggi tutto >>

 

I servizi di EdilCassa del Lazio

Le casse edili sono spesso state poco considerate dalle imprese. Invece forniscono un supporto importante per il buon equilibrio del settore edile e di chi vi opera. Facciamo una analisi dettagliata dei servizi offerti a imprese e lavoratori dalla Cassa Edile Regionale del Lazio. Le casse edili offrono molti servizi a imprese e lavoratori, ma spesso accade che le imprese e i lavoratori stessi non conoscano tutti i servizi a loro disposizione e finiscano per non utilizzarli. Questo è un problema comune a quasi tutte le organizzazioni del settore no-profit. OFFERTA DEI SERVIZI EDILCASSA Abbiamo […]

leggi tutto >>

 

Il problema delle distanze legali

Leggi, decreti, circolari compongono il quadro della disciplina delle distanze legali tra le costruzioni: quadro reso a volte complicato da orientamenti giurisprudenziali che non sempre esprimono conformità ma contraddittorietà a certezze che sembravano acquisite. LE DISTANZE COME RISPETTO DEGLI ALTRI Nell’ambito dei rapporti con gli altri, il rispetto delle distanze si riconduce nel dovere negativo di evitare le ingerenze, rese possibili dalle molteplici relazioni di fatto originate dalla vita associata dalla quale nasce il rischio delle interferenze reciproche che possono risultare pregiudizievoli, tanto per la controparte di un rapporto obbligatorio, quanto per i terzi titolari […]

leggi tutto >>