Contatto Rapido
Agenzia Immobiliare di Roma

Consulenza tecnica

Servizi di consulenza immobiliare

Consulting tecnico per agenzie immobiliari e proprietari privati, assistenza tecnico-legale e facilities per pratiche burocratiche e catastali.

Arbitrato e conciliazione

“Arbitrato” e “Conciliazione” in continua evoluzione. Con l’entrata in vigore del D. Lgs 40/2006 importanti modifiche sono state introdotte al codice di procedura civile ma anche in materia di arbitrato. Rilevante l’importante facoltà riconosciuta al consulente tecnico (CTU) di tentare la conciliazione della controversia in amplissimi settori del contenzioso. NOVITA’ INTRODOTTE DAL D. Lgs 40/2006 Con il D. Lgs n. 40/2006 intitolato “Modifiche al codice di procedura civile in materia di processo di cassazione in funzione nomofilattica e di arbitrato” il legislatore ha, nuovamente, introdotto cambiamenti alla preesistente normativa elaborando una disciplina più dettagliata in […]

leggi tutto >>

 

Normative sugli ascensori condominiali

Spesso, troppo spesso, l’amministratore di condominio si trova nella incertezza tra far eseguire onerose opere di adeguamenti impiantistici, anche talvolta contro la volontà dei condomini; oppure assumersi gratuite responsabilità, senza (forse) aver ben chiaro in mente cosa prevede il codice penale in caso di incidente. Un annoso problema che, ancora oggi, deve affrontare un amministratore di condominio, è quello degli ascensori che sono il più delle volte obsoleti, operando in una situazione spesso ai limiti delle norme di sicurezza, assumendosi così inutili responsabilità. Attualmente, avendo recepito le norme comunitarie con la promulgazione di nuove leggi […]

leggi tutto >>

 

Tutela dei lavoratori esposti al rumore

L’esposizione continua ai rumori durante le ore di lavoro è nociva e pericolosa; aiuti per la sicurezza dei lavoratori sono stati introdotti per salvaguardare non solo l’udito ma per prevenire anche gli effetti c.d. “extrauditivi” che possono comportare nevralgie, perdita o alterazione del sonno, stress, fatica mentale, ecc. 1. I RISCHI DA RUMORE In un condominio, i rischi a cui potrebbero essere sottoposti i lavoratori sono di natura chimica, legati ai prodotti chimici utilizzati (alcuni detersivi, diserbanti, ecc.) e sono rilevabili dalle schede di sicurezza; quelli di natura fisica (rumori, vibrazioni, movimentazione manuale dei carichi, […]

leggi tutto >>

 

Immissioni rumorose

Il problema delle immissioni di rumori in condominio è uno dei più frequenti motivi di litigio, soprattutto quando si tratta di rumori provenienti da esercizi commerciali che prolungano le attività anche durante la notte. Tutelarsi dai rumori molesti non è facile. Animali, attività commerciali, radio e televisione a tutto volume, impianti rumorosi, ed altro, possono, in molte occasioni essere causa di inquinamento acustico che mette a dura prova la pazienza dei condomini. Senza considerare che le immissioni sonore possono dare luogo anche al reato di disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone previsto dall’art. […]

leggi tutto >>

 

La centrale termica

Con la stagione invernale torniamo ad esaminare il problema dell’impianto di riscaldamento centralizzato, che è una delle parti comuni del condominio, e della sua soppressione per la sostituzione con impianti unifamiliari, che è valida se avviene a maggioranza dei condomini, deliberata ai sensi dell’art. 26, comma 2, della legge n. 10 del 1991. Detta legge stabilisce, tra le altre cose, all’art. 28 – comma 1, che si deve presentare una progetto assieme ad una relazione tecnica sul rispetto delle prescrizioni, che deve essere depositato al Comune di competenza in duplice copia. In merito a ciò […]

leggi tutto >>

 

Nuda proprietà o prestito ipotecario?

Cosa fare se ci si ritrova ad una certa età con una casa di proprietà ma poca disponibilità di contanti? Le soluzioni sono due: vendere la nuda proprietà oppure chiedere un prestito ipotecario. Nel primo caso, come abbiamo già spiegato nello scorso numero, il proprietario vende a prezzo ridotto la nuda proprietà dell’immobile a terzi, mantenendo per se l’usufrutto vita natural durante. Naturalmente più l’usufruttuario è anziano, e quindi le sue prospettive di vita sono inferiori, più sarà alto il valore della nuda proprietà, in quanto l’acquirente dovrebbe entrare in possesso del bene più rapidamente. […]

leggi tutto >>

 

Il conduttore della locazione

Prendendo spunto della sentenza del 14 novembre 2006 n. 24206 emessa dalla Suprema Corte di Cassazione, abbiamo la possibilità di analizzare una delle problematiche principali della materia contrattualistica in tema di locazione, ovvero quella dell’individuazione dei criteri generali per definire l’abuso del bene locato da parte dell’affittuario. L’art. 1587 c.c. indica le obbligazioni generali a cui deve soggiacere il conduttore (anche detto affittuario) e tra esse, oltre a quella di presa in consegna della cosa locata e a quella del tempestivo pagamento del corrispettivo convenuto, s’inserisce anche l’osservanza della diligenza del buon padre di famiglia. […]

leggi tutto >>

 

La nomina dell’amministratore giudiziario

La nomina giudiziaria dell’amministratore di condominio, anche quando si inserisce in una situazione di conflitto tra condomini, si risolve in un intervento del giudice di tipo sostanzialmente amministrativo privo dell’attitudine a produrre gli effetti del giudicato su posizioni soggettive in contrasto, essendo finalizzato soltanto alla tutela dell’interesse generale e collettivo del condominio ed a una sua corretta amministrazione. 1. CASI IN CUI SI PUO’ RICHIEDERE LA NOMINA DELL’AMMINISTRATORE GIUDIZIARIO La nomina dell’amministratore di condominio, obbligatoria quando i condomini sono più di quattro, non sempre si rende possibile in concreto per inerzia dell’assemblea dei condomini (perché […]

leggi tutto >>

 

Un agente immobiliare come amministratore di condominio

Lo scorso giugno, il Ministero dello sviluppo economico ha chiarito che l’attività di mediazione immobiliare non è incompatibile con quella di amministratore di condominio. La delucidazione è arrivata in occasione di un ricorso presentato al ministero da una società che, per aver esercitato entrambe le attività, era stata cancellata dalla Camera di Commercio di Torino dal ruolo di mediazione immobiliare. La normativa L’art. 5 comma 3 della legge 39/1989 emanava il principio di incompatibilità tra l’iscrizione al ruolo degli agenti immobiliari e qualunque impiego pubblico e privato, l’iscrizione in altri albi o ruoli e l’esercizio […]

leggi tutto >>

 

Climatizzatori e immissioni rumorose

Il problema dei condizionatori di aria sulle facciate condominiali è sempre attuale soprattutto se servono non solo a climatizzare l’aria d’estate, ma anche ad ottenere una forma di riscaldamento invernale sostitutiva o integrativa a quella tradizionale. Rumore, dimensioni, rispetto delle distanze, estetica dell’edifico: queste le cause delle annose questioni sui climatizzatori. Tale bene, sicuramente rientrante tra gli elettrodomestici più in uso per l’utilità che apporta nel migliorare la qualità della vita nei periodi maggiormente caldi dell’anno, subisce, ogni volta che qualche condomino lo installi sui muri perimetrali, un processo che non trova sempre univoca soluzione […]

leggi tutto >>

 

La climatizzazione

Il miglioramento della vita moderna porta verso la ricerca di nuovi confort che le tecnologie avanzate, ci permettono ormai di attuare facilmente. In tutte le case è presente il riscaldamento, centralizzato o autonomo e il condizionamento per rendere vivibili le nostre estati sempre più torride. Nuovi sistemi però, già da tempo collaudati a livello industriale, avanzano rapidamente sul mercato della casa, modificando le tipologie di impianti e … le nostre abitudini di vita. Per abitudine, direi ormai atavica, siamo portati a pensare al riscaldamento e al raffrescamento come due cose distinte e separate. Sino ai […]

leggi tutto >>

 

Apertura di finestre nei muri comuni

I problemi che sorgono quando si deve aprire una nuova finestra (o modificarne una già esistente) sulle parti comuni di uno stabile in condominio, in pratica, sono molto meno di quelli che spesso pongono i condomini quando cercano, in tutti i modi, di ostacolarne l’apertura appellandosi magari a divieti regolamentari inesistenti o ad autorizzazioni assembleari inutili. LEGITTIMITA’ DELL’APERTURA Salvo il caso in cui il regolamento di condominio di natura contrattuale vieti espressamente di intraprendere alcuna opera esterna che modifichi l’architettura e l’estetica del fabbricato, si reputano, in linea di principio, legittimi gli interventi sul muro […]

leggi tutto >>