Agenzia Immobiliare di Roma

Consulenza tecnica

Servizi di consulenza immobiliare

Consulting tecnico per agenzie immobiliari e proprietari privati, assistenza tecnico-legale e facilities per pratiche burocratiche e catastali.

La privacy nella compravendita immobiliare

IL SISTEMA DI RILEVAZIONE DEL RISCHIO CREDITIZIO IN ITALIA E’ noto a tutti che le banche e le società finanziarie, per concedere ad un potenziale cliente un prestito personale o un mutuo per l’acquisto di un immobile, sono solite attingere notizie sull’interessato presso particolari archivi o banche di dati – comunemente definiti “centrali rischi” – che gestiscono sistemi informativi contenenti dati sui rapporti di finanziamento già conclusi o ancora in corso. Si tratta di una prassi oramai talmente consolidata da aver preso piede, oltre che nel settore del finanziamento immobiliare, anche in quello del c.d. […]

leggi tutto >>

 

Le norme sui parcheggi

La norma sui parcheggi si applica soltanto alle costruzioni, per appartamenti, non realizzate o non vendute. In pratica i parcheggi sono svincolati dall’unità immobiliare. E’ stata emanata la legge n. 246 denominata “legge di semplificazione” la quale dispone che gli spazi di sosta realizzati nell’ambito dei fabbricati con il rapporto di superficie mq 1 ogni 10 mc di costruzione possono essere commerciabili indipendentemente dall’unità immobiliare principale di rispettiva pertinenza purché venga rispettata la destinazione d’uso del parcheggio. A detta Legge, ed in special modo l’art. 12 al comma 9, si è aggiunto all’art. 41 sexies […]

leggi tutto >>

 

Come cambia il condominio

Leggere il contratto di lavoro dei portieri è non solo necessario per chi deve operare, ma anche importante perché ci fa rendere conto quanto il condominio sia avanzato negli ultimi anni. La figura del portiere, come era giusto, si è evoluta acquisendo maggiore professionalità oltre che nuovi diritti e doveri, segno questo di tempi che maturano. Poco alla volta tutto cambia, e allora ci si chiede, perché non dovrebbe cambiare anche il condominio? Un passetto alla volta, piano piano, lo Stato sta cesellando una operazione di maquillage di questa figura indefinita che è il condominio. […]

leggi tutto >>

 

Contratti di lavoro nel condominio

Quando il Condominio si serve dell’opera di un terzo, secondo le forme giuslavoristicamente previste e coordinate, parleremo di rapporto di lavoro condominiale. Quando invece il condominio si servirà dell’opera dei terzi sotto l’altra forma, parleremo di normali rapporti d’opera o di appalto. Nel caso del rapporto di lavoro condominiale le forme consentite dalla legge sono essenzialmente due più una : – RAPPORTO DI LAVORO DIPENDENTE (a tempo determinato ed indeterminato) – COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA (cococo) – COLLABORAZIONE OCCASIONALE Il primo caso rappresenta e deve rappresentare, la stragrande maggioranza delle forme del rapporto di lavoro […]

leggi tutto >>

 

La cassa del condominio

Un errore che talvolta si riscontra nei rendiconti presentati in assemblea e che induce alla ratifica di bilanci non corretti è il confondere la cassa con il saldo di esercizio. La cassa è un conto patrimoniale. Il saldo tra spese ed entrate (costi e ricavi) è un conto economico. La cassa risulta essere uguale al saldo di esercizio solo nel caso, più ipotetico che reale, che non esista nessun altro conto patrimoniale, ovvero che non esista nessun credito né debito, nessun conto corrente né fondi, nessuna morosità dei condomini né debiti verso terzi (fornitori o […]

leggi tutto >>

 

La messa in sicurezza degli impianti elettrici condominiali

Dati ufficiosi ma attendibili rivelano che ad oggi ancora il 25% circa degli stabili in condominio debbono essere messi a norma della legge n° 46/90 e ciò a distanza di molti anni dalla sua entrata in vigore. Nel frattempo il Testo Unico dell’Edilizia (D.Leg.vo 380/01), divenuto attivo il 30/6/2003, stabiliva nuove regole per il mondo della casa che, per pochi articoli, compresa la parte inerente gli impianti elettrici, veniva fatto slittare al 1 gennaio 2004. Sorvolando sui mille codicilli che l’articolo 107 del T.U. espone, talvolta anche in modo poco chiaro, è opportuno soffermarsi su […]

leggi tutto >>

 

Investire nel mattone: le stime immobiliari

I beni immobili riscuotono un particolare interesse da parte degli investitori. Tale attrattiva dipende in gran parte dalla “sicurezza” che ha nel tempo un tal genere di investimento che, rivalutandosi nel tempo, sfugge ai pericoli di inflazione della moneta e all’andamento spesso incerto dei mercati mobiliari (borse), periodicamente condizionati da fattori economici o politici che si verificano a livello nazionale o internazionale. Il mattone, pertanto, e’ in genere considerato come uno strumento affidabile sia per la conservazione del capitale che per la sua intrinseca utilità, anche se i rendimenti netti dell’investimento per effetto della pesante […]

leggi tutto >>

 

Tutela per le vittime dei fallimenti immobiliari

Nel 1997 la legge 30 del 28 febbraio ha inserito tre nuovi articoli nel codice civile (2645 bis, 2775 bis, 2825 bis) per arginare il problema dei fallimenti immobiliari. Basta citare alcuni dati per rendersi conto della gravità della situazione: ogni anno in Italia si verificano 1.552 fallimenti immobiliari di imprese e cooperative che negli ultimi dieci anni hanno coinvolto, secondo il Conafi, 200.000 nuclei familiari. La legge del ’97 ha introdotto l’istituto della trascrizione dei contratti preliminari anche per gli immobili in costruzione, riservando, quindi, ai promissari acquirenti il privilegio in caso di fallimento. […]

leggi tutto >>

 

Quanto costa un contratto di affitto

Locazione: quanto mi costi? La legge prevede che, una volta sottoscritto il contratto di locazione, l’inquilino lasci al proprietario una somma pari a non oltre tre mensilità di affitto a titolo di deposito cauzionale per coprire il mancato pagamento del canone o eventuali danni alla casa.. La somma versata per la cauzione deve per legge produrre interessi legali che alla fine del contratto dovranno essere restituiti all’inquilino assieme all’intera cauzione, salvo il diritto del proprietario di trattenere le somme spese per riparare danni o ammanchi causati dall’inquilino. Spesso il proprietario richiede ad ulteriore garanzia un’assicurazione […]

leggi tutto >>

 

La riforma del ruolo dell’amministratore di condominio

Cercare di delineare il quadro delle novità legislative in itinere presso la Commissione Giustizia del Senato della Repubblica, non è lavoro da poco; ma ciò che interessa maggiormente gli operatori di settore è senza dubbio comprendere come la figura dell’amministratore possa essere interessata da tutta una serie di modifiche sul suo ruolo. Un maggior carico di responsabilità, e richiesta di specifiche e particolari conoscenze tecniche e giuridiche, oggi sono ritenute – dalla società civile – imprescindibili e necessarie per agevolare la ricerca delle soluzioni piu’ equilibrate, atte a garantire un’armonica coabitazione in condominio. Con la […]

leggi tutto >>

 

La revisione del classamento dei fabbricati

Si tratta dell’aspetto relativo alla revisione del “classamento” dei fabbricati che, tra l’altro, si prefigge l’obiettivo di: – assicurare una maggiore equità sul piano fiscale; – prevenire possibili, e talora inevitabili, fenomeni di “elusione” fiscale; – contrastare le manifestazioni di vera e propria “evasione”. In via incidentale e solo per chiarire la portata dei termini utilizzati, ricordiamo brevemente che, per prevalente orientamento, con l’espressione “elusione fiscale” si intende l’attività del soggetto che, di fronte alla fattispecie legale imponibile, riesce ad impedirne, in tutto o in parte, il sorgere ricorrendo ad un uso mirato di istituti […]

leggi tutto >>

 

La convocazione dell’assemblea di condominio

Prendendo spunto dalla sentenza n.4531 del 27.3.03 emessa dalla Corte di Cassazione che ha preso in esame , ancora una volta alcuni fra i principali problemi che l’assemblea di condominio offre come la regolarità della convocazione dei condomini, la proroga dei poteri dell’amministratore nominato illegittimamente, il rapporto fra il condomino e il suo delegato, il computo delle maggioranze costitutiva e deliberativa e la richiesta ai condomini di pagamenti provvisori in attesa dell’approvazione del bilancio preventivo. Tutto ciò è stato oggetto di esame dalla sentenza sopra indicata , in sintesi la Suprema Corte ha stabilito che […]

leggi tutto >>