Contatto Rapido
Agenzia Immobiliare di Roma

I servizi di EdilCassa del Lazio

Consulenza tecnica - Pubblicato da Giorgia Manieri - Nessun commento

Le casse edili sono spesso state poco considerate dalle imprese. Invece forniscono un supporto importante per il buon equilibrio del settore edile e di chi vi opera.
Facciamo una analisi dettagliata dei servizi offerti a imprese e lavoratori dalla Cassa Edile Regionale del Lazio.

Le casse edili offrono molti servizi a imprese e lavoratori, ma spesso accade che le imprese e i lavoratori stessi non conoscano tutti i servizi a loro disposizione e finiscano per non utilizzarli. Questo è un problema comune a quasi tutte le organizzazioni del settore no-profit.

OFFERTA DEI SERVIZI EDILCASSA
Abbiamo già visto che l’EDILCASSA nasce nel Lazio quale alternativa alla cassa edile di Roma. Nell’articolo apparso sul numero di settembre, era stata fatta una panoramica generale sui servizi offerti dalle casse edili. Su questo numero descriveremo in modo più approfondito i singoli servizi offerti a lavoratori e imprese, analizzando in modo specifico le particolarità che caratterizzano l’offerta dell’Edilcassa del Lazio rispetto a quella delle altre casse edili.

I servizi offerti dalle casse edili possono essere divisi in due gruppi in funzione del cliente finale:

Servizi alle imprese;
Servizi ai lavoratori;

Tratteremo in modo distinto le prestazioni alle imprese rispetto a quelle destinate ai lavoratori perché, come si può facilmente intuire, le problematiche collegate all’erogazione di questi due gruppi di servizi tendono ad essere abbastanza omogenee in funzione del tipo di cliente finale al quale viene offerto il servizio.

I NOSTRI SERVIZI ALLE IMPRESE
Le prestazioni erogate alle imprese possono a loro volta essere suddivise in tre sottogruppi:
I rimborsi di somme anticipate dall’impresa ai dipendenti per conto dell’EDILCASSA a vario titolo;
I servizi dell’Agenzia PF;
rilascio di DURC e di altri certificati.

Le somme anticipate dall’impresa ai dipendenti per conto dell’EDILCASSA DEL LAZIO sono le integrazioni alle indennità di malattia, infortunio o malattia professionale. Il nostro Ente partecipa al trattamento economico dei lavoratori nei periodi di malattia o infortunio o malattia professionale, in modo che l’impresa possa mutualizzare una parte del rischio collegato al verificarsi di questi eventi. L’impresa anticipa al lavoratore in busta paga la quota a carico dell’EDILCASSA e, attraverso la denuncia mensile, invia all’EDILCASSA DEL LAZIO la relativa richiesta di rimborso. Oltre a questa richiesta di rimborso inviata attraverso la denuncia mensile, il regolamento interno dell’EDILCASSA DEL LAZIO prevede che venga inviata da parte dell’impresa copia dei certificati medici che attestano la malattia, l’infortunio o la malattia professionale. Non tutte la casse edili richiedono l’invio di questa documentazione, ma questa scelta consente all’Edilcassa del Lazio di contenere l’incidenza del costo di questo tipo di prestazioni rispetto a quelle casse edili che non richiedono documentazione. Il prezzo da pagare, però è una maggiore lentezza e complessità nella gestione amministrativa delle richieste di rimborso inviate dalle aziende. L’Edilcassa del Lazio, dopo aver ricevuto la documentazione, effettua dei controlli e trasmette all’impresa un riepilogo dei conteggi per tutti gli operai malati o infortunati, segnalando eventuali discordanze ed effettuando il relativo rimborso a mezzo assegno. Nel corso dell’ultimo anno l’Edilcassa del Lazio ha ridotto notevolmente i tempi di attesa dei rimborsi alle aziende ed entro la fine del prossimo anno prevede di raggiungere i due mesi dalla data della richiesta del rimborso.

FORMAZIONE E INFORMAZIONE
L’Agenzia PF è uno dei settori operativi dell’Edilcassa del Lazio. E’ stata costituita nel 1993 allo scopo di fornire alle imprese aderenti e ai loro dipendenti servizi nel campo della formazione professionale e della sicurezza sui luoghi di lavoro. Si finanzia attraverso contributi specifici a carico delle imprese aderenti e opera attraverso un coordinatore, tecnici della sicurezza e formazione professionale, studi medici specializzati. Ad essa fanno riferimento i “rappresentanti territoriali per la sicurezza dei lavoratori”. L’Agenzia PF è operativa presso la sede centrale della Edilcassa del Lazio.
Rispetto ad altre casse edili l’EDILCASSA DEL LAZIO ha scelto di gestire “in casa” questo tipo di servizi e questo, oltre a consentire di contenere il costo di questo tipo di attività, consente di gestire in modo coordinato le attività di prevenzione e formazione. L’impresa ha il vantaggio di poter fare riferimento ad un unico interlocutore che le eroga i servizi, semplificando l’attività amministrativa.

L’Agenzia PF organizza e svolge invece direttamente programmi formativi nel campo della sicurezza sul lavoro come previsto dai Decreti Legislativi 626/94 e 494/96 . I moduli correnti sono: corsi per dipendenti, per “responsabili del servizio di prevenzione e protezione”, per “rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza”, per “addetti alle emergenze” e per “coordinatori della sicurezza. La partecipazione ai corsi previsti dal D.Lgs. 626/94 è gratuita, per gli altri i costi sono comunque contenuti. Gli attestati di frequenza rilasciati dall’Agenzia PF sono legalmente riconosciuti.
Nell’ambito dei servizi di formazione professionale, L’Agenzia PF raccoglie le richieste di aggiornamento e riqualificazione professionale provenienti dalle imprese aderenti alla EDILCASSA DEL LAZIO e ne organizza la iscrizione presso le Scuole professionali edili operative nel Lazio, ai cui corsi datori di lavoro e dipendenti delle imprese suddette possono partecipare alle stesse condizioni di quelle aderenti alle varie Casse Edili provinciali. La maggior parte di questi corsi è finanziata attraverso il Fondo Sociale Europeo, ed è gratuita. In particolare è utile ricordare che per gli apprendisti e per gli addetti alla rimozione dell’amianto la frequenza ai corsi è obbligatoria per legge.

Un altro servizio offerto dall’EDILCASSA DEL LAZIO alle imprese associate attraverso l’Agenzia PF è quello della sorveglianza sanitaria. Le imprese edili devono dotarsi – secondo il D.Lgs. 626/94 – di un “medico competente” specialista nel campo delle malattie professionali a cui affidare la sorveglianza sanitaria dei propri dipendenti. Per questo scopo l’Agenzia PF ha stipulato una convenzione con alcuni studi medici a favore delle imprese aderenti. Il costo del servizio è forfettizzato sulla base di 30 € per ogni dipendente di cantiere per anno solare. Il servizio di visite mediche si svolge, per le unità produttive (cantieri o altre sedi aziendali) che occupano almeno 10 lavoratori, presso il luogo di lavoro tramite l’utilizzo di centri sanitari mobili. Inoltre l’Agenzia PF può assistere le imprese associate nella gestione della programmazione delle visite mediche periodiche ai dipendenti, segnalando all’impresa i nominativi dipendenti che devono effettuare una nuova visita di controllo.
L’Agenzia PF svolge anche un ruolo importante in materia di sicurezza sul lavoro mettendo a disposizione di imprese, lavoratori, associazioni aderenti, un’ampia documentazione, con possibilità di consultazione e duplicazione. Funziona inoltre da sportello informativo sia attraverso l’attività corrente del personale sia attraverso le circolari che invia alle imprese sulle principali novità normative e tecniche. Organizza infine, in collaborazione con enti e istituzioni, convegni e seminari e distribuisce gratuitamente a imprese e lavoratori varie pubblicazioni aggiornate in materia di sicurezza sul lavoro come la “ Guida alla sicurezza”, la “Lista di controllo del cantiere”, il pieghevole “Diritti e obblighi del lavoratore”, il manuale illustrato “Lavorare in sicurezza”.

Molto importante è anche il servizio che L’EDILCASSA DEL LAZIO offre attraverso l’Agenzia PF alla imprese associate è quello di Consulenza antinfortunistica. L’Agenzia PF coordina un gruppo di architetti e ingegneri specializzati in sicurezza nei cantieri e operativi sull’intero territorio regionale che, su richiesta delle imprese aderenti, effettuano sopralluoghi finalizzati a fornire agli imprenditori le indicazioni per adeguare i propri luoghi di lavoro alle normative antinfortunistiche e comunque per garantirne la gestione in sicurezza. Questi tecnici collaborano inoltre con le imprese nella elaborazione dei piani operativi di sicurezza (POS) richiesti dal D.Lgs. 494/96 e alla valutazione dei rischi aziendali richiesta dal D.Lgs. 626/94, in particolare di quelli da rumore. Anche tale servizio, salvo casi di particolare complessità, è svolto in regime di convenzione a carico della Edilcassa del Lazio e dunque, per fare in modo che il maggior numero di imprese associate possa utilizzarlo, non prevede costi direttamente a carico dell’impresa.

IL DURC
Delle attività collegate al rilascio del DURC si è trattato in modo specifico nell’articolo apparso nello scorso numero di ottobre, dedicato in modo specifico al DURC. Questo documento rilasciato dalla cassa edile ha ormai importanza fondamentale per tutte le imprese edili e ha sostituito quasi tutti i certificati precedentemente rilasciati dalla cassa edile. Come eccezione a questa regola si possono citare i certificati utilizzati dalle imprese edili per ottenere la cosiddetta decontribuzione sui contributi INPS e i premi INAIL. Si tratta in pratica di riduzioni sui contributi riconosciuti alle aziende che rispettano determinati requisiti, tra i quali quello di essere in regola con gli adempimenti verso la cassa edile. Per il 2006 restano ancora in vigore le regole precedenti. Dall’anno prossimo invece, anche questo certificato verrà sostituito dal DURC.

I SERVIZI AI LAVORATORI
Le prestazioni della EDILCASSA DEL LAZIO per i lavoratori vengono generalmente suddivise in prestazioni ordinarie previste dai contratti ed accordi nazionali e prestazioni straordinarie previste da contratti ed accordi territoriali. L’Edilcassa del Lazio, nel quadro di un obiettivo di semplificazione delle procedure, intende promuovere l’erogazione di tipologie di prestazioni straordinarie uniformi in tutte le province della regione Lazio. Per le prestazioni straordinarie, che variano in base alla provincia, prenderemo come riferimento quelle offerte attualmente ai lavoratori delle aziende della provincia di Roma.

FERIE E GRATIFICA NATALIZIA
Il trattamento economico spettante agli operai per le ferie (8,50%) e per la gratifica natalizia (10%) è assolto dall’impresa con la corresponsione di una percentuale complessiva del 18,50% calcolata sugli elementi della retribuzione per tutte le ore di lavoro normale contrattuale effettivamente prestate e sul trattamento economico per le festività. Gli importi della percentuale di cui sopra, vanno accantonati da parte delle imprese presso l’Edilcassa del Lazio secondo quanto stabilito localmente dalle organizzazioni territoriali aderenti alle associazioni nazionali contraenti. Tali importi sono accantonati al netto delle ritenute di legge secondo il criterio convenzionale individuato nei contratti nazionali di settore.

INTEGRAZIONE ALLA INDENNITÀ DI MALATTIA, DI INFORTUNIO O MALATTIA PROFESSIONALE
Durante l’assenza dal lavoro per malattia, infortunio o malattia professionale, l’impresa, entro i limiti della conservazione del posto, è tenuta ad erogare mensilmente all’operaio non in prova un trattamento economico giornaliero. Una quota di questo trattamento è direttamente a carico dell’impresa mentre la parte restante è a carico dell’Edilcassa del Lazio. L’impresa anticipa al dipendente l’intero trattamento economico previsto per questi periodi, richiedendo all’Edilcassa del Lazio il rimborso della quota a suo carico. Per il lavoratore naturalmente il processo è trasparente. Il trattamento economico viene riconosciuto al lavoratore nei limiti della conservazione del posto.

ANZIANITÀ PROFESSIONALE EDILE
All’operaio che in un biennio abbia maturato l’anzianità professionale edile anche in più circoscrizioni territoriali, le EDILCASSE o le Casse Edili corrispondono nell’anno successivo, ciascuna per la propria competenza, una prestazione denominata Anzianità Professionale Edile (APE). L’operaio matura l’anzianità professionale edile quando in ciascun biennio raggiunge il totale di almeno 2100 ore. A questo fine valgono le ore di lavoro ordinario, le ore di assenza dal lavoro per malattia indennizzate dall’INPS e le ore di assenza dal lavoro per infortunio o malattia professionale indennizzate dall’INAIL. Il biennio scade il 30 settembre dell’anno precedente quello dell’erogazione. L’erogazione è effettuata dalla Edilcassa in occasione del 1° maggio. La prestazione per l’anzianità professionale edile è stabilita secondo importi crescenti, in relazione al numero di erogazioni APE percepite dal lavoratore. Nel caso in cui l’operaio si trasferisca da una ad altra circoscrizione territoriale, la Cassa Edile o Edilcassa di provenienza su richiesta dell’operaio medesimo, gli rilascia un attestato redatto secondo il modello predisposto dalle Associazioni nazionali comprovante la sua posizione in ordine all’anzianità professionale edile. L’operaio provvede a far pervenire tale attestato alla EDILCASSA o alla Cassa Edile di competenza nella quale si è trasferito. Lo stesso procedimento si applica anche in caso di eventuali successivi trasferimenti.

PRESTAZIONI STRAORDINARIE
Le prestazioni straordinarie, come è stato anticipato, sono previste da contratti e accordi territoriali e per questo variano in funzione della provincia nella quale è assunto il lavoratore. Le prestazioni offerte ai lavoratori dipendenti da imprese della provincia di Roma e ai loro familiari dall’Edilcassa del Lazio sono le seguenti:

– Protesi dentarie – apparecchi ortodontici – cure dentarie
– Protesi ortopediche – supporti acustici – occhiali
– Riabilitazione e spese extra-ospedaliere
– Rimborsi per donazione di sangue
– Rimborsi per donazione di midollo osseo
– Contributo straordinario per cure termali
– Assistenza ai familiari portatori di handicap
– Contributo straordinario per malattie professionali
– Assistenza per i casi di alcoolismo, sieropositività (HIV), tossicodipendenza
– Assistenza allo studio
– Borse di studio
– Premio ai giovani
– Assegno e permesso funerario
– Sussidi per la casa
– Sussidi ai lavoratori stranieri
– Copertura assicurativa per infortuni – malattie – interventi chirurgici
– Contributo straordinario per decesso del lavoratore per cause di malattia
– Soggiorni estivi per dipendenti delle imprese edili e loro familiari
– Contributo straordinario per la lavoratrici edili in periodo di maternità

Tutte queste prestazioni straordinarie vengono erogate a richiesta dei interessati. La documentazione da allegare alla richiesta e i requisiti necessari per ottenere l’erogazione variano in funzione del tipo di prestazione richiesta. Sul sito internet dell’Edilcassa del Lazio è possibile ottenere informazioni sulla documentazione e sui requisiti necessari per ottenere le diverse prestazioni.

I CONTRIBUTI DA EROGARE
Le prestazioni offerte dall’Edilcassa a imprese e lavoratori sono finanziate attraverso contributi previsti dai contratti collettivi nazionali di lavoro del settore edile e dai contratti integrativi. Nel caso del trattamento economico spettante agli operai per le ferie e per la gratifica natalizia, l’impresa versa una percentuale pari al 18,5% calcolata sui seguenti elementi della retribuzione: paga base di fatto, indennità di contingenza, ex indennità territoriale di settore ed elemento economico territoriale. La quota accantonata mese per mese dall’impresa viene versata all’operaio edile due volte all’anno, nei mesi di dicembre e di luglio. In questo senso il cosiddetto GNF rappresenta per l’Edilcassa una partita di giro.
Diversamente dal GNF le altre prestazioni non possono essere considerate delle semplici partite di giro. L’entità dei contributi che servono a finanziarle viene stabilita di comune accordo tra le parti sociali, con l’obiettivo di equilibrare tendenzialmente il costo totale delle prestazioni erogate con la contribuzione.

Ad ogni gruppo di prestazioni corrisponde una parte del contributo complessivo. In occasione della predisposizione del bilancio annuale dell’Edilcassa, si verifica se per ogni grande gruppo di prestazioni offerte dall’ente, la contribuzione applicata è stata o meno in equilibrio con il costo delle prestazioni. E’ interessante notare che una quota della contribuzione è a carico dei lavoratori.
La decontribuzione (che con ogni probabilità verrà eliminata dal rinnovo del contratto integrativo attualmente in corso, a fronte di una riduzione della contribuzione) rappresenta uno sconto sui contributi riconosciuto ex post alle imprese in regola con alcuni requisiti in materia di sicurezza e che hanno versato i contributi all’Edilcassa senza ritardi mese per mese. Si tratta, in definitiva, di un incentivo per le imprese ad essere sempre in regola.

In generale la contribuzione dell’Edilcassa del Lazio è allineata a quella praticata dalle altre casse edili provinciali del Lazio, provincia per provincia. Eventuali differenze possono verificarsi per brevi periodi, in funzione del fatto che i rinnovi dei diversi contratti edili in scadenza possono non avvenire simultaneamente. E’ interessante osservare come elemento di differenziazione che fino allo scorso anno l’Edilcassa del Lazio gestiva il ritardo nel versamento dei contributi da parte delle imprese (la cosiddetta mora) in modo diverso dalla Casse Edile di Mutualità e Assistenza della Provincia di Roma. Quest’ultima prevedeva oltre agli interessi, una maggiorazione contributiva secca per le imprese che tardavano a versare i contributi. l’Edilcassa del Lazio, invece, applicava gli interessi di mora sui giorni effettivi di ritardo nel versamento. La differenza aveva la sua ragione di esistere in funzione del fatto che L’Edilcassa del Lazio associa principalmente imprese artigiane e di piccole e medie dimensioni, nelle quali i processi organizzativi interni tendono ad essere strutturati in modo meno formale e può capitare con maggior frequenza di effettuare un versamento in ritardo. L’avvento del DURC ha reso necessario uniformare per tutte le casse edili italiane la gestione della mora.

 

Locale commerciale in vendita a Monteverde

Aggiungi un commento