Contatto Rapido
Agenzia Immobiliare di Roma

Il sughero spruzzato

Edilizia - Pubblicato da Giorgia Manieri - Nessun commento

Il sughero è un prodotto naturale che proviene da due varietà di alberi: “ Quercus Suber ” e “ Quercus Occidentalis “
La struttura delle cellule sferiche contiene, all’interno delle membrane, aria. Il contatto fra tutte le sue cellule è totale e perfetto, senza pori o interstizi, ciò gli conferisce varie caratteristiche speciali fra le quali si sottolineano leggerezza ed elasticità.

Il sughero gode di un alto grado di impermeabilità che si mantiene inalterato anche ad alte temperature, e possiede una elevata capacità di isolamento termico ed acustico.
Queste caratteristiche si trasformano in un risparmio di costi di mano d’opera e di materiali rispetto ai prodotti tradizionali.
Il sughero spruzzato è un prodotto ecologico, pronto all’uso, ottenuto mescolando durante il ciclo di produzione vari componenti: granuli di sughero, resina acrilica, grassi vegetali, acqua. Questi materiali, stabili nel tempo, sono sottoposti ad un processo di unione che non altera le loro caratteristiche.

L’applicazione del sughero si effettua per proiezione e viene garantita dalla sua ottima aderenza su qualunque tipo di superficie (murature di qualsiasi natura, ferro, legno, plastica).
Il tempo di essiccamento varia generalmente fra le 12 e le 48 ore, dipendendo dal tipo di supporto, dalla temperatura ambiente, dall’umidità e dallo spessore applicativo.
Analizziamo due problematiche che frequentemente sono presenti nei condomini, per le quali gli Amministratori incontrano difficoltà nella loro soluzione: Umidità e Amianto.
Esempio molto evidente sono le infiltrazioni da acqua piovana proveniente dalle terrazze aventi problemi di tenuta dell’impermeabilizzazione esistente. Altre volte sono chiamati per eliminare presenze di umidità nei piani terreni o nei piani seminterrati oppure per risolvere il problema della presenza di manufatti in cemento-amianto.

L’umidità delle pareti è la principale responsabile del degrado dei materiali da costruzione.
L’acqua nei suoi due stati: liquido (umidità meteorica, umidità per infiltrazioni) e gassoso (umidità per condensazione e per vapore acqueo) risulta essere un notevole problema al momento della sua eliminazione con metodi tradizionali, considerando che servirebbero materiali i quali impediscano l’entrata dell’acqua, e che contemporaneamente consentano il passaggio dell’aria affinché le pareti possono asciugarsi.

L’amianto presente in molti condomìni (canne fumarie, tettoie, lastre di copertura) può essere reso sicuro mediante l’applicazione, su ambedue le facciate, di uno strato di sughero spruzzato (spess. 4 -6 mm.) In questo modo si incapsula l’amianto proteggendolo in modo permanente ottenendo un risparmio notevole dei costi, in quanto si elimina la rimozione, lo smaltimento e la ricostruzione del manufatto preesistente.
Il sughero spruzzato può essere utilizzato come rivestimento delle canne fumarie metalliche, ottenendo una maggiore coibentazione, al fine di evitare un eccessivo abbattimento della temperatura dei fumi, ed una migliore estetica del fabbricato, in quanto il sughero può essere della stessa coloritura delle facciate.

 

Locale commerciale in vendita a Monteverde

Aggiungi un commento