Contatto Rapido
Agenzia Immobiliare di Roma

Arredamento country: rustico e chic

Abitare - Pubblicato da redazione - Nessun commento

Volete ristrutturare la vostra casa oppure un vecchio stabile di famiglia secondo i dettami dell’arredamento country? Ma quali sono le tendenze utili per poter rendere l’ambiente rustico e chic allo stesso tempo?

Un tripudio di stile Old English e colori pastello con pezzi unici e mobili in legno grezzo: appunto i cosiddetti ‘mobili country’ dall’effetto screpolato, finto invecchiato, finto marmo e spazzolato. Ecco allora che la scelta dei materiali per i complementi d’arredo è di primaria importanza: legni lavorati artigianalmente oppure anticati sono fondamentali per far esaltare una certa aria rustica, ma anche calda e intima. I mobili country hanno quindi meravigliose linee essenziali, date dall’impiego del legno massello per sfumature preziose, con venature naturali e dal sapore genuino.

arredamento country

In una soluzione country sono i particolari d’arredo che danno la realtà di un’atmosfera da vera casa rurale, con un retrogusto nostalgico per ciò che si è perduto ma non per sempre: sia che arrediate una vecchia fattoria o una casa antica, oppure un loft in ambiente urbano,

Splendide travi di legno a vista sono un plus ottimo per un ambiente che può essere imbiancato a malta. Il motivo? Rendere protagonista il legno con cui sono fatte le sedie con rocchetto, i comodini e i cassettoni antichi, le madie stile inglese o le cassapanche inizio Novecento.

Per terra? Come pavimentazione bello il cotto o il parquet, oppure osate pietre irregolari o piastrelle monocolore.

In cucina potreste aggiungere meravigliose credenze e piattaie a vista, con muri o piastrelle coronati con oggetti di rame, fiori secchi o frutta, il tutto completato da una serie di cassoni.

Per le altre stanze consigliamo caldamente vetrinette e ribaltine, letti con spalliera alta e comodini a cui avrete fatto applicare o aggiungere intarsi artigiani.

 

Locale commerciale in vendita a Monteverde

Aggiungi un commento