Contatto Rapido
Agenzia Immobiliare di Roma

Il parco comunale di Sambuci

Marketing - Pubblicato da Giorgia Manieri - Nessun commento

Il paese di Sambuci, che già gode del verde delle colline che lo circondano a corona, possiede al suo interno un bel parco comunale legato alla storia del castello.

Quando il maniero si trasformò da fortezza difensiva in dimora signorile, cioè nel periodo seicentesco, seguendo la moda dell’epoca, si realizzò un grande giardino (54.50 mq.), affinché la villa potesse essere considerata degna di essere abitata da gente nobile.

E’ diventato parco comunale nel 1991 ed attualmente è diviso in due parti da una strada. Il “giardino all’italiana”, il più antico, è addossato al castello, ed è contraddistinto da siepi di bosso che disegnano gli stemmi degli Astalli (proprietari del castello agli inizi del seicento) e dei Theodoli (proprietari del castello nell’ottocento); non mancano statue, finte grotte, fontane e vasche che sfruttano l’acqua di sorgenti limitrofi.

Nella parte del parco, al di là della strada, il boschetto ricalca il tipico giardino romantico all’inglese, molto di moda nell’ottocento.

Nel parco addossato al castello, le siepi di bosso che disegnano “il giardino all’italiana” raffigurano lo stemma con i tre cerchi degli Astalli, proprietari del castello nel seicento, quando la popolazione era dedita all’agricoltura e alla pastorizia.

Parco comunale di Sambuci

Sempre con le siepi, è rappresentato lo stemma con le ruote dei Theodoli, proprietari del castello nell’ottocento, quando furono incentivati i lavori dei campi e costruiti i mulini per la macina del grano e la spremitura dell’olio.

 

Locale commerciale in vendita a Monteverde

Aggiungi un commento